Antibiotici: prescrivere con cura

antibioticiL'abuso di antibiotici nella pratica medica sta contribuendo alla comparsa della resistenza ai farmaci antimicrobici.
I Centri statunitensi per il controllo delle malattie stimano che ogni anno negli Stati Uniti, almeno due milioni di persone contraggano infezioni resistenti agli antibiotici e almeno 23.000 persone ne muoiono come risultato diretto.

La pratica generale e l'assistenza ambulatoriale rappresentano quasi i tre quarti di tutte le prescrizioni di antibiotici, in cui le infezioni del tratto respiratorio (RTI) rappresentano il più grande gruppo di indicazioni per il trattamento antibiotico (tosse, bronchite acuta, raffreddori comuni, otite media, sinusite e mal di gola).

In un campione di medici di medicina generale, un intervento a basso costo, erogato in remoto utilizzando dati di cartelle cliniche elettroniche per fornire rapporti di feedback di prescrizione antibiotica, insieme a strumenti di supporto decisionale forniti dal computer, è stato efficace nel ridurre la prescrizione di antibiotici per infezioni alle vie respiratorie negli adulti.
E' quanto dimostra uno studio inglese controllato randomizzato a due bracci, in aperto che ha coinvolto 79 mmg (582 675 pazienti/anno) randomizzati (1: 1) ad antimicrobici (AMS) o cure usuali.

L'intervento AMS comprendeva un breve seminario di formazione, rapporti automatici mensili di feedback sulla prescrizione di antibiotici e strumenti elettronici di supporto alle decisioni per informare la prescrizione appropriata in 12 mesi.

Lo studio comprendeva 41 medici AMS (323 155 anni paziente) e 38 medici con la cura usuale (259 520 anni paziente). I rapporti percentuali non aggiustati e aggiustati per la prescrizione di antibiotici erano 0,89 e 0,88, rispettivamente, con tassi di prescrizione di 98,7 per 1000 anni / paziente per AMS (31 907 prescrizioni) e 107,6 per 1000 anni paziente per cure usuali (27 923 prescrizioni).

La prescrizione di antibiotici era ridotta nella maggior parte degli adulti di età compresa tra 15 e 84 anni, con una prescrizione di antibiotici per anno evitata per ogni 62 pazienti.
Non ci sono evidenze di effetti per bambini di età inferiore ai 15 anni o persone di età pari o superiore a 85 anni; non è stato inoltre evidenziato un aumento delle complicanze batteriche gravi.

Gli interventi effettuati elettronicamente, integrati nel flusso di lavoro pratico, determinano riduzioni moderate della prescrizione di antibiotici per le infezioni del tratto respiratorio negli adulti, cosa importante per la salute pubblica e la lotta all'antibiotico-resistenza. 
 

Leggi l'articolo originale in full text