Come migliorare l'appropriatezza prescrittiva?

ebm al punto di curaLe reazioni avverse ai farmaci sono responsabili di almeno 10.000 decessi all'anno in Francia. Nel tentativo di ridurle, il Collectif bon usage du médicament, creato nel 2015 ha lavorato per prevenire e le reazioni avverse (uso improprio, errori), ha fatto azioni di prevenzione tra gli anziani e ha diffuso la consapevolezza di molte interazioni tra farmaci.
Queste azioni preventive, valutate in modo piuttosto positivo da IMS Health nel 2016, e gli sforzi per informare i professionisti e il pubblico in generale sulla iatrogenesi, tuttavia, devono essere amplificati al fine di individuare meglio i segnali di allarme, gestire meglio i possibili rischi (soprattutto tramite software e messaggistica) e ridurre "l'abuso del farmaco".

Gli effetti indesiderati del farmaco, legati ad un uso improprio (interazioni in particolare) o ad un errore farmacologico (omissione o, al contrario, somministrazione errata di un farmaco che porta a un rischio) sarebbero responsabile di 175 000 ricoveri all'anno e almeno 10 000 decessi all'anno in Francia (questa cifra è, inoltre, probabilmente sottostimata a causa della non inclusione degli effetti avversi minori, e dei rischi associati all'omissione di un farmaco, oltre alla probabile sotto segnalazione).

L'uso improprio riguarda in particolare gli antibiotici (prescrizione inappropriata), le benzodiazepine (durata media del trattamento di 7 mesi nella popolazione generale e diversi anni per gli over 65 anni, mentre le raccomandazioni prevedono da 1 a 3 mesi), il trattamento di patologie croniche (frequenti problemi di compliance) e la cura degli anziani (frequente politerapia). 
I progetti del collettivo per i prossimi 5 anni
Fonte: https://www.vidal.fr/actualites/22641/collectif_bon_usage_du_medicament_premiers_resultats_10_nouvelles_pistes_d_amelioration/