Effetti avversi del trattamento medico e mortalita' negli Stati Uniti

jamaI risultati del Global Burden of Disease 2016 indicano che la mortalità associata agli effetti avversi del trattamento medico è diminuita modestamente nel corso degli ultimi 25 anni e, sebbene il grado di miglioramento vari a seconda dello stato, sembra l'incidenza degli effetti negativi delle cure mediche sia aumentata  per l'invecchiamento della popolazione.
Nello studio di coorte appena pubblicato su Jama network open, vi è stata una diminuzione del tasso di mortalità standardizzato per età associato agli effetti avversi del trattamento medico negli Stati Uniti tra il 1990 e il 2016.
Sebbene non siano state osservate differenze per sesso, l'aumento della mortalità a causa di effetti avversi del trattamento medico è stato associato con l'avanzare dell'età e la variabilità geografica.

Dal 1990 al 2016 sono stati stimati 123 603 decessi riconducibili a effetti avversi. Nonostante un aumento complessivo del numero di morti  nel corso del tempo, il tasso di mortalità standardizzato per età nazionale a causa di eventi avversi per terapia medica è diminuito del 21,4%, da 1,46  morti ogni 100 000 abitanti nel 1990 a 1,15 decessi ogni 100 000 abitanti nel 2016.
Uomini e le donne avevano tassi simili di mortalità, ma per i pazienti con  70 anni o più il tasso di mortalità era quasi 20 volte maggiore rispetto a quelli di età compresa tra i 15 ei 49 anni.

Ogni 100.000 abitanti, la California ha avuto il più basso tasso di mortalità  mentre Mississippi ha avuto il più alto tasso di mortalità. 
Gli eventi chirurgici e perioperatori sono stati il ​​sottotipo più comune di eventi avversi, pari al 63,6% di tutti i decessi per i quali un evento avverso da terapia medica è stato identificato come causa sottostante.

Sono trascorsi più di 20 anni dalla prima pubblicazione delle stime sull'entità del danno medico che si verifica negli ospedali negli Stati Uniti. Da allora, sono state stanziate risorse considerevoli per migliorare la sicurezza dei pazienti: in alcuni ambiti clinici, come le infezioni acquisite in ospedale e le transizioni di cura tra ospedale e unità di cura del paziente, diversi rapporti hanno suggerito notevoli miglioramenti nei risultati a livello nazionale.