No alla medicina senza medici, ma serve un “nuovo” medico

ebmqsProsegue il dibattito sollevato dall'ultimo libro di Cavicchi sulle evidenze scientifiche in medicina.

 L'ultimo libro di Ivan Cavicchi,  “L’evidenza scientifica in medicina.  Uso pragmatico delle verità”   è una pubblicazione importante,   di grande valore,  e  assolutamente necessaria in questo momento di riflessione sulla metodologia  clinica  nella medicina moderna .  Ogni medico dovrebbe leggerlo e riflettere.
 
Il  libro ha inizio con un ampio capitolo dedicato alla lezione della storia. Ne seguono altri sulle origini del concetto di evidenza in medicina e il suo sviluppo attraverso le varie evoluzioni del pensiero scientifico con una lettura moderna e accurata della moderna epistemologia,  per arrivare alla definizione attuale della  Evidence Based Medicine (EBM) .  
Di qui  una lunga serie di riflessioni sul significato, il valore e l'importanza della EBM,   sui suoi limiti,  i difetti nella sua applicazione e  nella interpretazione,  i rapporti con la professione  e con la medicina legale. Infine  il ruolo della pratica clinica. 

 
Ecco,  proprio la parola pratica assume un ruolo importante. Cavicchi ragiona molto sulla pragmatica della medicina e quindi sulla necessità di un medico pragmatico che possa ragionare in modo complesso e possa diventare con questo “un buon medico”, che sceglie ciò che è meglio per il malato.

Leggi tutto l'articolo su Quotidiano Sanità