Prescrizioni inappropriate e outcome

Tilda
La prescrizione potenzialmente inappropriata tra gli anziani ha un n significativo impatto negativo sia clinico che economico.
Un recente studio prospettico di coorte ha valutato l'accordo di diverse misure di prescrizione potenzialmente inappropriata (PIP) nelle persone anziane e ha confrontato la loro relazione con gli esiti riportati dai pazienti.

I farmaci potenzialmente inappropriati sono stati valutati utilizzando lo strumento di screening delle prescrizioni potenzialmente inadeguate (STOPP) v1, STOP, l'American Geriatrics Society (AGS) Beers Criteria® 2012 e i relativi indicatori di valutazione degli anziani vulnerabili (ACOVE) v3 su 1753 partecipanti allo studio TILDA (The Irish Longitudinal Study on Ageing).

Le potenziali omissioni di prescrizione sono state valutate utilizzando lo strumento di screening per avvisare i medici del giusto trattamento (START) v1 e gli indicatori ACOVE v3.
Il loro accordo è stato valutato tramite statistiche κ e la regressione multivariata è stata utilizzata per valutare le relazioni con le visite al pronto soccorso, le visite del medico di famiglia, la qualità della vita e il declino funzionale (maggiore assistenza necessaria per le attività della vita quotidiana).

Tutte le misure di farmaci inappropriati erano significativamente associate all'aumento delle visite presso il medico di medicina generale.
Solo l'esposizione a due o più indicatori START era associata a una riduzione della qualità della vita e solo due o più AGS Beers Criteria® erano associati a declino funzionale. Per le omissioni, entrambe le misure erano associate al declino funzionale, ma solo gli indicatori ACOVE erano associati all'aumento delle visite mediche.

Questo studio ha evidenziato una concordanza lieve-moderata tra le diverse misure di PIP applicate a una coorte di anziani. In generale, c’era un maggiore accordo tra le misure relative a omissioni inadeguate di farmaci (gli indicatori START e ACOVE) rispetto alle misure relative alla prescrizione di farmaci inappropriati (STOPP, criteri di Beers e ACOVE).

Lo sviluppo e la condivisione di standard comuni per rendere operativi gli indicatori nelle cartelle cliniche elettroniche potrà anche migliorare la comparabilità e la coerenza dei risultati di diversi team o contesti di ricerca.

Fonte: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/jgs.16239